Benvenuto | Come ordinare | Contatti | Carrello | 0 [items] €0.00


Il Viagra perde potenza: la vendita scende del 30% all'avvicinarsi della perdita di brevetto finale

Il Viagra perde potenza: la vendita scende del 30% all'avvicinarsi della perdita di brevetto finale

Nell'aprile 2020, Pfizer perderà definitivamente tutti i diritti sulla "piccola pillola blu", che gli ha fatto guadagnare circa $ 1,8 miliardi all'anno per oltre 20 anni.

Il gigante farmaceutico Pfizer ha ancora pochi mesi per perdere definitivamente il farmaco che lo ha reso famoso in tutto il mondo e uno dei pochi trattamenti efficaci per la disfunzione erettile, un problema sofferto da uno su dieci uomini in tutto il mondo: il Viagra.

Conosciuta come la "piccola pillola blu", facilmente riconoscibile da milioni di persone per il suo colore e la sua forma a diamante, è stata rilasciata per la prima volta nel 1998. Il suo lancio è stato così innovativo che solo nei primi quattro mesi dopo la sua commercializzazione, Pfizer è riuscita a 400 milioni di dollari di profitto, che ha trasformato in vendite di circa 1.800 milioni all'anno per oltre 20 anni.

Aprile 2020

Più di venti anni dopo, Pfizer è sul punto di perdere l'ultima riduzione di esclusività che ha sul prodotto che una volta l'ha reso il più riconosciuto farmaco al mondo e le vendite della sua medicina non fanno altro che cadere. Durante i primi sei mesi, furono ridotti del 30% in tutto il mondo a causa della comparsa di farmaci generici.

Il motivo per cui esiste un Viagra generico sul mercato, nonostante Pfizer continui ad avere parte del suo brevetto originale sul farmaco, risiede in una causa intentata dal colosso americano alla società farmaceutica israeliana Teva, la società più potente al mondo nel settore dei farmaci generici mercato.

Fino ad oggi, Pfizer continua ad avere un brevetto sul sildenafil - il componente chiave del Viagra, che è il marchio registrato - fino ad aprile 2020, grazie al fatto che nel 2012 ha raggiunto un'estensione della sua protezione di esclusività nel mercato statunitense sul medicina preziosa. Nel 2013, tuttavia, ha perso i diritti di esclusività commerciale del farmaco in Europa e in Giappone, che, dopo gli Stati Uniti, erano due dei maggiori mercati per il farmaco.

Nel 2012, Teva Pharmaceuticals ha annunciato che, nonostante l'estensione ottenuta da Pfizer, avrebbe lanciato il suo generico Viagra, prima che il gigante nordamericano avesse deciso di fargli causa sostenendo che aveva violato la legge sui brevetti. Tuttavia, di fronte alla perdita, Pfizer ha raggiunto un accordo con Teva in base al quale ha permesso alla società farmaceutica israeliana di commercializzare il suo generico del farmaco anti-disfunzione a partire da dicembre 2017 in cambio del pagamento di royalties.

L'accordo era in realtà sinonimo di perdita del contenzioso per Pfizer, che è stato costretto a smettere di essere l'unico produttore di sidenaphile in anticipo. In un solo anno, le vendite della famosa pillola blu di Pfizer sono diminuite del 73% negli Stati Uniti.

Piano B

Nonostante il duro colpo, il farmacista americano è riuscito a sviluppare una strategia aziendale con cui aspira a limitare gli effetti del colpo che ha comportato la perdita del Viagra.

Poco dopo si è saputo che Teva avrebbe lanciato il suo generico, Pfizer ha annunciato che avrebbe iniziato a commercializzare la sua versione generica di sidenafil a un prezzo molto più basso rispetto al Viagra, oltre a concedere programmi di sconto in modo che i suoi consumatori potessero ottenere il marchio - pillola per il nome per un prezzo inferiore.

Secondo la pagina specializzata nel monitoraggio dei prezzi dei farmaci GoodRx, tra gennaio 2018 e 2019 il 90% delle prescrizioni mediche per alleviare la disfunzione erettile negli Stati Uniti proveniva dalla versione generica del Viagra, di cui un grosso pizzico si fermò ancora a Pfizer.

Fusione con Mylan

L'ultimo punto del piano di Pfizer per cercare di attenuare il colpo è stato annunciato solo poche settimane fa. Il laboratorio americano ha annunciato di aver raggiunto un accordo "definitivo" per la fusione della sua divisione di medicina non brevettuale, UpJohn, con lo specialista generico Mylan attraverso uno scambio di azioni.

UpJohn porterà ai nuovi marchi dell'azienda come "Lipitor", "Celebrex" o il Viagra stesso, i leader delle vendite in Cina e altri mercati emergenti che Mylan sarà in grado di sviluppare come farmaci generici. Secondo i termini della transazione, che è stata approvata all'unanimità dai consigli di amministrazione di entrambe le società, ogni azione di Mylan diventerà una quota della nuova società combinata, di cui gli attuali azionisti Pfizer controlleranno il 57% del capitale. mentre gli azionisti di Mylan deterranno il 43%.

Dalle due società sperano che la nuova società possa raggiungere un fatturato di circa 20.000 milioni all'anno. La società risultante dalla fusione verrà ribattezzata alla chiusura della transazione, prevista per metà 2020, sarà presieduta da CEO di Robert J. Coury, attuale presidente di Mylan, mentre Michael Goettler, attuale presidente di Upjohn, fungerà da CEO.

La verità è che nonostante abbia perso il brevetto per la pillola blu che ha reso la società farmaceutica nordamericana quella che è oggi, Pfizer continua a segnalare milioni di benefici. Secondo l'ultimo conto economico, tra aprile e giugno ha ottenuto un utile netto attribuibile di 5.046 milioni di dollari (4.539 milioni di euro), che rappresenta un aumento del 30,3% rispetto al risultato registrato nello stesso periodo del 2018.

Aziende farmaceutiche indiane

L'India è popolata oggi da oltre 1 miliardo di persone. E al fine di fornire a tutta questa popolazione medicinali, il mercato delle aziende farmaceutiche è il più grande dell'Unione Europea. Nelle condizioni di una piccola abbondanza della maggioranza dei cittadini indiani, il 99% delle medicine prodotte sono generici. Allo stesso tempo, non sono di qualità inferiore ai marchi europei. Già oggi oltre la metà dei medicinali venduti nei mercati del Nord America e dell'Europa viene prodotta in India. Anche in India, per controllare la qualità dei medicinali che entrano nel mercato statunitense, esiste una propria unità FDA.

Molte aziende sviluppano i loro marchi di farmaci per la disfunzione erettile e, naturalmente, il più popolare è il Viagra generico. Ma a differenza del Viagra di marca, la varietà di dosaggi è molto più ampia: 200mg, 150mg, 120mg. Ciò si aggiunge alle dosi standard con un contenuto di sildenafil di 100 mg, 50 mg e 25 mg.

Le aziende più famose e i loro marchi:

  • Ajanta Pharma Limited è un marchio di Kamagra
  • Cipla Limited è un marchio di Silagra e Suhagra
  • Ranbaxy Laboratories (attualmente Sun Pharmaceutical Industries Ltd.) è un marchio di Caverta
  • Alkem Laboratories è un marchio di Zenegra
  • Zydus Cadila Healthcare è un marchio di Penegra
  • Aurochem Laboratories (I) Pvt. Ltd è un marchio di Aurogra
  • Sunrise Remedies è un marchio di Melegra
  • Centurion Laboratories Ltd. è un marchio di Cenforce
  • Fortune Health Care è un marchio di fabbrica di Fildena
  • Intas Pharmaceuticals Ltd. è un marchio di Intagra
  • German Remedies Private Ltd. è un marchio di Vigora

Vedete, la diversità di produttori e marchi è molto ampia. I prezzi variano, ma entro il 50%. Un altro indiscutibile vantaggio è l'acquisto di Viagra generico online. Non è necessario visitare un medico e quindi una farmacia in modo che tutti sappiano dei tuoi problemi. E costa molto!